Che paura! Cosa faccio?…

Non devo avere paura. La paura uccide la mente. La paura è la piccola morte che porta con sé l’annullamento totale. Guarderò in faccia la mia paura. Permetterò che mi calpesti e che mi attraversi. E quando sarà passata, aprirò il mio occhio interiore e ne scruterò il percorso. Là dove andrà la paura non ci sarà più nulla. Soltanto io ci sarò.”

Vi ricordate questa frase? Forse avete visto il film o magari avete anche letto il romanzo di fantascienza DUNE scritto da Frank Herbert.

La litania contro la paura è un’arma potentissima che appartiene alla sorellanza delle Bene Gesserit, un gruppo di donne molto influente all’interno del mondo immaginato da Herbert .

Essa ci fa capire come la paura non vada ignorata, e non vada scacciata, tanto non funziona!..

La paura è importante, senza paura non potremmo sopravvivere. La paura ci avverte quando dobbiamo usare prudenza, andarci cauti. Fare attenzione però non significa bloccarci, non agire, rimanere immobili (non mi riferisco all’incontro con un serpente a sonagli!).

A volte pensiamo che le persone coraggiose non abbiano mai paura, non è così, la paura appartiene a tutti, per fortuna! Aver coraggio significa ascoltare il nostro istinto che ci dice ATTENZIONE! E proseguire con prudenza. Nonostante la paura.

Se ascoltiamo la nostra paura e l’accogliamo, come ci insegna la litania, possiamo proseguire liberi.

La paura ci lascia liberi, e lo stesso vale per la tristezza nel momento in cui l’accogliamo.

Un altro esercizio, più semplice, perché non richiede sforzi di memoria lo possiamo trovare nel libro IL METODO di Michels e Stutz.

Consiste nel visualizzare l’emozione negativa come un grosso nuvolone nero.

Un grosso nuvolone che si avvicina. Noi stiamo lì fermi e immaginiamo la nostra voce che grida: ”vieni avanti ti sto aspettando!”. Quando siamo immersi nel nuvolone nero rimaniamo lì e diciamo: ”io amo la paura!” Dopo un po’ il nuvolone passerà avanti, oltre a noi,  saremo di nuovo nella luce e potremo dire: “la paura mi lascia libera!

 

 

 

 

Lascia un commento